Archivi categoria: Fatti Portare Dalla Mamma

Stagione Teatrale per bambini e famiglie

IL CIRCO DEI BURATTINI

Domenica 19 Novembre 2017 – ore 16:00

consigliato per bambini dai 3 anni
e per un pubblico di famiglie

TECNICHE USATE: burattini a guanto e a bastone, marionette manovrate dal basso e oggetti. Baracca cilindrica che rotea con due scene: una davanti e una dietro.

Il “CIRCO DEI BURATTINI” è uno spettacolo che invita al gioco, una rilettura divertente, poetica, grottesca, altrove sincera e spontanea, della vita.
Con spunti tratti dal mondo del circo, imperniata sul cerchio, visto come archetipo del ciclo vitale. Il linguaggio è semplice e diretto: le immagini, la musica, un testo essenziale.

TEMA:
il gioco, inteso come attività gratificante, svincolata da fini immediati di produzione.

LA TRAMA:
II direttore del circo, tipo rigido e preciso, scandisce ogni secondo e ogni momento.
Maurino, il servo, di scena, ha un carattere emotivo, pensa solo alle cose piacevoli della vita: dormire, mangiare, alla poesia. Questi sono i due caratteri principali che si inseguono durante tutto lo spettacolo, fino ad incontrarsi e a scontrarsi, chi vincerà?
Nessuno, entrambi servono per la buona riuscita dello spettacolo. C’è la “fiera di paese” (ispirata al Petruschka di Strawinsky): una scena d’insieme con il saltimbanco, il venditore di palloncini, il giocoliere, ecc. Seguono il domatore di leoni, l’incantatore di serpenti, la danzatrice del ventre; scene che si sviluppano ad un ritmo crescente con finali a sorpresa. Troviamo poi la gallina con il gallo che fanno l’amore, nasce l’uovo e dentro c’è il pulcino; piccolo, semplice ciclo vitale. Poi c’è Felice che mangia un frutto, semina i semi, arriva la nuvola con la pioggia, il sole che scalda, la luna con le fasi e nasce la pianta. Essa cresce e diventa un bell’albero: altro ciclo vitale. Giunge la primavera con le farfalle, la poesia sugli uccelli e finalmente il dolce riposo interrotto dal direttore che vuole sempre tutto in ordine.
Si arriva allo scontro, l’inseguimento tra dietro e davanti e gran finale.

Regia e materiali scenografici: a cura della compagnia
Animatore: Marco Randellini
Tecnica: Maura Invitti

 

SACCO PIENO …SACCO VUOTO

Domenica 05 Novembre 2017 – ore 16:00

Compagnia C’è un Asino che Vola
Sala Polifunzionale Don Vittorio Chiari

consigliato per bambini dai 3 anni
e per un pubblico di famiglie

Pepe e Ciro, due poveri contadini perseguitati da una fame atavica e da una moglie e sorella avida e taccagna, si trovano a dover combattere contro il famigerato “Mostro Pizzone”, un losco figuro di dubbia provenienza. Il malvagio, in cambio di una fantomatica “protezione”, pretende parte del loro raccolto.
I due poveri amici, ingenui ed “ignorantotti”, grazie alla loro scaltrezza popolana e ad un po’ di incoscienza riescono a smascherare il malvivente e a svelare l’arcano mistero.
Uno spettacolo che con un linguaggio appropriato e utilizzando una chiave comica, vuole sensibilizzare i più piccoli al rispetto della legalità contro qualsiasi tipo d’ingiustizia. Soprusi che spesso iniziano in tenera età con atti di “bullismo” a danno dei più deboli e che, con il passare del tempo, possono diventare veri e propri episodi di violenza compiuti da esperti delinquenti senza scrupoli. I temi trattati sono dunque quelli della prevaricazione, dell’ingiustizia e dell’omertà.

HANSEL E GRETEL

Domenica 05 Marzo 2017 – ore 16:00

VINCITORE PRIMO PREMIO GIURIA DEI BAMBINI E DEGLI ADULTI 

“EUROPUPPETFESTIVAL” 2014 

Sala Polifunzionale Don Vittorio Chiari

Un viaggio di due bambini abbandonati nel bosco che, attraverso la luce, le ombre e il buio, ritrovano la strada per tornare a casa. Con semplici dialoghi, brevi narrazioni e canti si ricrea lo spazio del teatro, al di fuori del teatro classico, in una stanza illuminata da una candela. La continua trasformazione dei due attori, che di volta in volta diventano narratori, Hansel, Gretel, genitori e strega, tiene viva l’attenzione dello spettatore e lo coinvolge nel viaggio dei due protagonisti, aiutandoli a trovare le risposte di fronte alle difficoltà della crescita.

Uno spettacolo sospeso tra favola e realtà che offre più di un spunto di riflessione, portando l’attenzione sull’importanza delle piccole cose. Gli oggetti, nella loro precarietà, richiamano la semplicità e la povertà della fiaba. L’utilizzo dell’ombra inoltre rappresenta oggetti, corpi e gesti, lasciando ai bambini il desiderio di allungare una mano per entrare a far parte di quel mondo in cui, attraverso un piccolo personaggio, ognuno può raccontare e raccontarsi.

Cenerentola folk

Domenica 29 Gennaio 2017 – ore 16:00

Teatro Invito
Sala Polifunzionale Don Vittorio Chiari

con Stefano Bresciani e Valerio Maffioletti
testo e regia Luca Radaelli

consigliato per bambini dai 5 anni
e per un pubblico di famiglie

Chi realizzerà la scarpetta di Cenerentola? Chi confezionerà il vestito buono con cui andare al ballo? Un sarto e un ciabattino  alle dipendenze della perfida matrigna sono indaffaratissimi: tutte le ragazze da marito del paese hanno commissionato loro del lavoro per la gran festa. Gli artigiani trovano però il tempo di consolare e aiutare quella povera sguattera, costretta dalla crudele signora Lucrezia ai lavori più umili. E’ solidarietà quella che sentono: non sono anche loro umili lavoratori? Se otto ore vi sembran poche provate voi a lavorar!  Così, imbracciati ukulele e chitarra, alzano il loro canto per raccontare le gesta della loro eroina: Cenerentola, l’umile serva che diventerà regina.
Sull’onda del successo del precedente Cappuccetto Blues, Teatro Invito si impegna ancora nella trasposizione di una fiaba classica in chiave di Teatro Canzone: i due lavoranti raccontano l’emancipazione di Cenerentola cadenzando lo svolgersi della trama con spassose canzoni originali, in stile popolare, e il rapporto tra i due attori  gode della giusta dose di ironia scanzonata.

L’OMINO DEI SOGNI

Domenica 15 Gennaio 2017 – ore 16:00

Compagnia Il Cerchio Tondo
Sala Polifunzionale Don Vittorio Chiari

SPETTACOLO PER MARIONETTE E VIOLINO UNGHERESE

Le fiabe sono la mediazione tra l’esperienza del reale, il sogno e le paure inconsce.

Sono il tentativo di incoraggiare i piccoli ad affrontare le difficoltà che l’esistenza inevitabilmente pone e solo chi non si ritrae può superare gli ostacoli e alla fine uscirne vittorioso.

Anche Ciliegino, un bambino di legno, vuole ascoltare le fiabe invece di dormire:
come quella della furba Volpe che voleva mangiare le oche e gli ochini; o quella della Baba-Jaga che vuole mangiare la Bambina;  o ancora quella  del Sole e della Luna  che erano saliti in cielo per lasciar spazio all’Acqua e a tutta la sua famiglia.
Queste fiabe sono raccontate da un narratore che con l’aiuto di piccole marionette  interpreterà i vari personaggi.

La voce sarà arricchita dalla musica del violino.
La successione delle immagini prenderà il ritmo delle ballate popolari ungheresi magistralmente eseguite dal maestro Janos Hasur, conosciuto in Italia per aver accompagnato per oltre 12 anni con la sua arte, gli spettacoli teatrali di Moni Ovadia.

LUNATICA

Domenica 18 Dicembre 2016 – ore 16:00

Compagnia Scarlattineteatro
Sala Polifunzionale Don Vittorio Chiari

Spettacolo teatrale

Questa è la storia di Lunatica che ci racconta del suo sogno: vuole dormire sulla luna e da lassù osservare il mondo che cambia. Come un nuovo Gurdulù, lo scudiero del Cavaliere Inesistente di Italo Calvino, anche Lunatica si lascia “diventare “quello che incontra: uccello, vento, bolla di sapone, aereo e in fine la luna stessa. Una storia tira l’altra e attraverso i voli pindarici che solo i bambini riescono a fare, ci lasciamo incantare dalla leggerezza dei gesti, dalle parole in rima e dai pochi oggetti in scena riuscendo ad ingannare la forza di gravità, tutti con il naso all’insù, più leggeri di prima e di certo più vicini alla luna.

MAGRO MAGRINO E GLI ANIMALI MAGICI

Domenica 27 Novembre 2016 – ore 16:00

Compagnia C’è un asino che vola
Sala Polifunzionale Don Vittorio Chiari

Spettacolo con burattini, marionette e pupazzi

La storia narra di Zefirino, unico maschio di 7 gemelli, il più simpatico e ribelle tra i fratelli. Un bel giorno, il nostro piccolo protagonista, Incurante di ogni pericolo e ammonizione, lascia la famiglia e va a cercare fortuna.
Dopo varie peripezie Zefirino incontra Magrino, uno strampalato mago che gli regala gli animali magici custodi di oro e pietre preziose. Sulla sua strada, però, irrompe Perfidus, il mago cattivo che con la magia e l’inganno cerca di rubargli tutta la sua fortuna. Ce la farà Zefirino a sconfiggere il mago Perfidus e a tornare a casa dalla madre e dalle sorelle?
Questa storia, ispirata alle fiabe popolari raccontate ne “Lo cunto de li cunti” di Giambattista Basile, ripercorre l’eterno desiderio dei bambini di trasgredire le regole familiari e mettersi alla prova con se stessi e i propri limiti. Sono i genitori che con le loro paure, a volte, limitano le esperienze dei propri figli, proteggendoli eccessivamente.
Ma Zefirino ci dimostrerà che anche da solo ce la può fare…

Natale al Calduccio

Domenica 27 Dicembre 2015 – ore 16:00

Teatro del Vento
Fiaba di Natale per Bambini e Famiglie
Sala Polifunzionale Don Vittorio Chiari

Nella casa con la lanterna si prepara il Natale, la festa più bella dell’anno, il buon pescatore ha riunito tutti, papà ha fatto l’albero, mamma ha messo le candele, Nonna Gattara ha portato il panettone, i vicini porteranno la musica, ma i bambini non riescono ancora a sorridere…

BiancaStella, la gattina del faro, è scomparsa: la cercano i bambini, la cerca il pescatore, la cercano mamma e papà, la cerca anche Nonna Gattara, la cercano pure i tre musicisti del terzo piano, ma dovremo aspettare la cena di Natale, per vederla ritornare.

I gatti dovrebbero stare a casa, nel giardino, la strada per loro è piena di pericoli, invece la piccola BiancaStella ne combina di tutti i colori: viaggerà con la mongolfiera salirà sulla ruspa, tornerà navigando sul sommergibile.

Una storia dolce e buffa, un’avventura a lieto fine che ci fa scoprire, quanto sia prezioso avere un posto al calduccio, la notte di Natale, nel cuore dell’inverno.